Scambiatori sistemi solari prodotti da CDR

Presentazione scambiatore di calore per sistema solare

Logo CDR produce scambiatore sistema solare

CDR Italia progetta e produce da oltre 60 anni scambiatori sistemi solari, con il sistema brevettato esclusivo SuperAction®.

Il gruppo di tecnici specializzati CDR mette a disposizione una vasta gamma di configurazioni tali da soddisfare qualunque esigenza nella realizzazione e riparazione scambiatore di calore per sistema solare.

Come funziona lo scambiatore sistemi solari a circuito chiuso

La funzione dello scambiatore sistemi solari a circuito chiuso è quella di sottrarre energia termica alla piastra captante e trasferirne una parte all’acqua da riscaldare.

Il fluido termovettore, separato dall’acqua dalle pareti che presentano elevata conducibilità termica, cedere calore all’acqua fredda in misura proporzionale alla differenza di temperatura tra i due fluidi, e ad una maggiore superficie di interfaccia corrisponde un maggior scambio di energia termica.

Questo avviene soprattutto quando ci sono salti di temperatura di 5-10°C. La necessità di ottenere un dispositivo compatto, ha fatto nascere alcuni dispositivi maggiormente diffusi: a serpentino immerso, a fascio tubiero, a piastre.

Quale scambiatore solare termico si utilizza per i grandi impianti?

Nei grandi impianti, vengono utilizzati gli scambiatori a piastre, perchè sono caratterizzati da prestazioni più efficaci come il minimo ingombro e la massima efficienza.

Preventivo scambiatori prezzi

Sistemi utilizzati dagli scambiatori sistemi solari

I sistemi solari termici impiegano due tipologie di scambiatori di calore: liquido-liquido e aria-liquido. Vediamo nel dettaglio:

Liquido-liquido: in questo caso viene usato un fluido termovettore che circola attraverso il collettore solare assorbendo calore e di conseguenza fluisce mediante uno scambiatore di calore in grado di trasferire lo stesso all’acqua che viene contenuta in uno speciale serbatoio di accumulo.

In questo caso l’impianto viene protetto da un anticongelante per non avere ripercussioni e quindi rotture durante il periodo invernale.

Inoltre questi scambiatori sono caratterizzati anche da barriere che si interpongono fra il fluido termovettore e la riserva di acqua domestica. Questo serve al fine di evitare che i due liquidi entrino a contatto.

ASSISTENZA SOS H24
CDR
Italia

La notevole resistenza meccanica, consente di utilizzare materiali dagli spessori contenuti. Tale peculiarità permette di contenere i costi, ottenendo ottimi coefficienti di scambio termico, minore inerzia ed in definitiva una elevata efficienza termica.

Cosa succede se i due liquidi vengono a contatto?

Se i due liquidi vengono a contatto potrebbero derivare dei gravi problemi per la salute, dal momento che l’acqua che si trova nel circuito del collettore contiene spesso batteri pericolosi.

Sistemi solari aria-liquido

I sistemi solari aria-liquido, non necessitano di uno scambiatore di calore fra il collettore solare ed il sistema di distribuzione dell’aria in quanto riscaldano l’acqua utilizzano scambiatori di calore aria-liquido, che sono simili a quelli liquido-aria.

Tipologie di scambiatori utilizzati nei sistemi solari

Ecco gli scambiatori più utilizzati:

  • a serpentino: lo scambiatore è una bobina di tubo situata nel serbatoio di accumulo, può essere costituita da un singolo tubo o un tubo composto da due tubi concentrici;

  • a fascio tubiero: lo scambiatore, essendo esterno, risulta separato dal serbatoio di accumulo, questo significa che i fluidi scorrono in direzioni opposte fra loro attraverso lo scambiatore di calore, in questo modo viene anche massimizzato il trasferimento di calore; nel primo ciclo, il fluido da riscaldare passa attraverso i tubi interni; nel secondo ciclo, il fluido termovettore scorre fra il serbatoio e i tubi di acqua;

  • tubo in tubo: in questo caso, i tubi di acqua e il fluido termovettore sono in contatto termico l’uno con l’altro; l’acqua ed il fluido termovettore fluiscono in direzioni opposte l’uno all’altro; questo tipo di scambiatore di calore ha due anelli simili a quelli descritti nello scambiatore di calore a fascio tubiero.

Richiedi tutte le informazioni che ti necessitano o richiedi un preventivo gratuito.

Acconsento al trattamento dei miei dati personali in base al D.L. n. 196 del 30 Giugno 2003 (Nuovo Codice Privacy) e al Nuovo Regolamento EU GDPR 679/2016 in materia di trattamento e tutela dei dati personali. I dati inviati saranno utilizzati esclusivamente per il tempo strettamente necessario alle finalità indicate. Per qualsiasi necessità si rimanda all’informativa privacy.
 

CDR Italia offre i propri servizi per scambiatori per impianti industriali:

Agrigento – Alessandria – Ancona – Aosta – Arezzo – Ascoli Piceno – Asti – Avellino – Bari – Barletta – Andria – Trani – Belluno – Benevento – Bergamo – Biella – Bologna – Bolzano – Brescia – Brindisi – Cagliari – Caltanissetta – Campobasso – Carbonia – Iglesias – Caserta – Catania – Catanzaro – Chieti – Como – Cosenza – Cremona – Crotone – Cuneo – Enna – Fermo – Ferrara – Firenze – Foggia – Forlì – Cesena – Frosinone – Genova – Gorizia – Grosseto – Imperia – Isernia – La Spezia – L’Aquila – Latina – Lecce – Lecco – Livorno – Lodi – Lucca – Macerata – Mantova – Massa e Carrara – Matera – Medio Campidano – Messina – Milano – Modena – Monza e Brianza – Napoli – Novara – Nuoro – Ogliastra – Olbia – Tempio – Oristano – Padova – Palermo – Parma – Pavia – Perugia – Pesaro e Urbino – Pescara – Piacenza – Pisa – Pistoia – Pordenone – Potenza – Prato – Ragusa – Ravenna – Reggio Calabria – Reggio Emilia – Rieti – Rimini – Roma – Rovigo – Salerno – Sassari – Savona – Siena – Siracusa – Sondrio – Taranto – Teramo – Terni – Torino – Trapani – Trento – Treviso – Trieste – Udine – Varese – Venezia – Verbano – Cusio – Ossola – Vercelli – Verona – Vibo Valentia – Vicenza – Viterbo

OFFERTA PER I PRIVATISE SEI UN PRIVATO

Scopri le 1200 officine partner CDR in Italia più vicine a te.

Call Now Button